GIORGIO GABER: DAL TEATRO AI BANCHI DI SCUOLA

Pubblicato il da Eurus

Giorgio Gaber, per l'anagrafe Gaberscik nato a Milano il 25 gennaio 1939 e morto qualche anno fa dopo una lunga malattia, fa ancora parlare di se e ritorna nella vita sociale italiana. 

Tutto è nato da una battuta di Enzo Iacchetti «Gaber andrebbe studiato nelle scuole» che non è sfuggita al ministro dell’istruzione Maria Stella Gelmini. L’iniziativa ovviamente si chiama Progetto Gaber ed è stata messa a punto dal ministero e dalla Fondazione a lui dedicata. Una prima tappa è fissata dal concorso "Giorgio Gaber, parole per pensare". Agli studenti saranno proposti 12 brani dell’opera gaberiana,  con i quali i ragazzi potranno confrontarsi, rielaborando il contenuto attraverso varie forme espressive. Gaber dava una lettura mai banale dei vizi e delle virtù degli italiani. È un esempio di libertà e rigore, anticonformista ma non trasgressivo per forza. Le sue parole sono sempre attuali, basti pensare alla canzone "Destra-Sinistra", che parla di una politica poco seria e un po' trasformista che la gente detesta. Un maestro di vita come lui, ironico e al tempo stesso pungente mette a segno un altro "colpo", entrando addirittura nelle scuole.

Draco17

Commenta il post

Emanuela 06/11/2009 19:36

bravissimo!!!

Cronos 03/05/2009 21:28

che genianalata questo video, e poi è simpaticissimo, mi fa tagliare. Hai scelto un bel video davvero. Ma non caschiamo nella banalità della discussione politica, limitiamoci semplicemente ad osservare senza discutere o criticare, ma analizzando i contenuti degli articoli, traendo da essi ispirazione per realizzare qualcosa di buono. Questa è la mia idea ... questo è il mio spirito.

Draco17 03/05/2009 23:26


proprio questo diceva gaber.....l'identificazione politica nn esiste più...nessuno ormai sa più cosa vuol dire destra o sinistra....