Il Mito degli Shinigami

Pubblicato il da Eurus - il vento del Sapere

Molti di voi conosceranno il termine Shinigami per il Cartoon Death Note, ma le loro origini risalgono alla mitologia Giapponese. Ad essere sinceri questa nuova figura (il Kami della morte) è stata introdotta piuttosto di recente. Si pensa infatti che possa essere stata importata dall’Europa o dalla Cina. Uno Shinigami (死神)è la personificazione della morte è l’equivalente del "mietitore di anime" occidentale, tuttavia è bene precisare che con Shinigami non si indica solo la divinità principale della morte ma anche quelle secondarie.

Particolare è il mito che si è venuto a creare attorno a questa figura. In pratica parallelamente al regno dei vivi esisterebbe il regno degli Shinigami governati da un re. I due regni non comunicano tra loro ma gli Shinigami possono osservare la vita terrena tramite pozze particolari. Ad ogni Shinigami è affidato un quaderno della morte sul quale basta scrivere il nome e cognome di una persona, e visualizzarne nella mente il volto, e questa muore. Gli anni che resterebbero da vivere alla persona vengono aggiunti agli anni di vita dello Shinigami. Si intuisce facilmente che è difficile che uno Shinigami possa morire ma non è impossibile. La morte di uno Shinigami sopraggiunge solo se quest’ultimo, tramite i suoi poteri, salva la vita di una persona a cui tiene molto. Il tutto si complica e rende la storia più affascinante dato che tramite gli occhi dello Shinigami si può solo tramite uno sguardo leggere il nome della persona e sapere la data della sua morte inoltre è possibile che si aprano portali tra i due regni.
Shur Destiny

Con tag Miti e Leggende

Commenta il post