10 Regole per Prevenire l'Influenza H1N1

Pubblicato il da Eurus - il vento del Sapere

Dopo la prima vittima di Influenza A in Italia l'attenzione dei media si è ancor più intensificata su questo battere che ormai si è diffuso in quasi tutto il mondo. Le ultime notizie propongano una vaccinazione che dal 15 novembre risulta essere anticipata al 15 ottobre per una particolare categoria di persone (fra cui i medici e i soggetti con gravi problemi respiratori). Per cercare di prevenire e quindi di combattere il diffondersi di questa pandemia è stato proposto un decalogo da rispettare ovvero:
1)  Evitare i fattori di rischio (fumo, ambienti e comunità chiuse, cattiva igiene, ecc.).

2)  Garantirsi un’alimentazione ricca in frutta e verdura: 5 porzioni al giorno. E aggiungere sempre aglio fresco alle insalate quotidiane.

3)  Aggiungere, come integratori, vitamina C naturale (da Rosa canina) e oligoelementi (Zinco e Rame).

4)  Ai primi sintomi febbrili bere 2-3 tazze al giorno di tisana preparata con 2 Chiodi di garofano e 1 frammento di Cannella da far bollire in acqua per pochi minuti. Dopo l'infusione (20-30 minuti) aggiungere un cucchiaio di miele e il succo di mezzo limone.

5)  Per stroncare la malattia sono molti efficaci, anche per i bambini, integratori e/o farmaci a base di estratto di Echinacea, pianta del Nord America tra le più usate e studiate. Meglio i prodotti a base di estratti standardizzati. Gli allergici e chi è in terapia con altri farmaci consultino prima un medico o il farmacista. L'Echinacea è comunque controindicata per chi ha malattie autoimmuni.

6)  Le compresse a base di Uncaria tormentosa sono ottime per gli anziani con bronchite cronica. Si tratta di una liana del Sud-America, i cui estratti hanno particolari proprietà immunostimolanti e sono quindi molto utili nella prevenzione.

7)  Per chi invece è già debilitato da deficit immunitari c’è l’Astragalus Membranaceus, una leguminosa di origine cinese. Gli estratti dalla radici contengono polisaccaridi utili nella terapia di molte malattie da immunodeficienza.

8)  Se poi l’influenza provoca dolori, curarli con Andrographis paniculata, ovvero con compresse di estratto di questa pianta tipica dell'India.

9)  La stanchezza caratteristica della convalescenza si fronteggia invece con pastiglie di Eleuterococcus senticosus. E’ una pianta siberiana cugina del più noto Ginseng, appropriata per recuperare energie dopo un episodio influenzale.
10)  In ogni caso, per meglio integrare fitoterapia e trattamenti convenzionali (antivirali, vaccini, farmaci sintomatici) è opportuno chiedere sempre al proprio medico di famiglia.


Shur Destiny

Con tag Cronaca

Commenta il post