Sensibilità

Freddo, brivido sovrasta su me

 

Sale svelto dalle gambe alla schiena

 

Un tenue ricordo o mancato futuro

 

Sussurrano con spiraglio di freddo vento

 

Dentro me quell’aria così arzilla

 

Eppur così ferma nella sua intenzione

 

di giacere in questo triste e vacuo guscio

 

 come un riccio sguarnito e spossato

 

indossa sovente una coperta troppo corta

 

Le parole gridano nella mia mente

 

Il loro languore si squaglia gustosamente

 

Su sto guasto pezzo di carne. Qualcosa ancora vibra e trema

 

Qualcosa che sa di una cosa che non c’è.

 

Cronos