Tutto è VANITA'!!




La vanità è l'esagerato amore per se stessi. In molte religioni la vanità è considerata una specie di idolatria, ovvero amare più se stessi che la divinità. Le storie di Lucifero e Narciso sono due antichi esempi di vanità. In termini filosofici si può parlare di un misto di orgoglio ed egoismo. L'importante però credo sia non confondere quella che è la Vanità con quella che invece potrebbe essere definita tale, ma che è la Superbia. Sono, a mio avviso, due cose completamente diverse e dello stesso mio parere è Arthur Schopenhauer che scrisse a proposito le testuali parole:

La stoltezza della nostra natura produce in primo luogo tre grandi mali: ambizione, vanità e superbia. La differenza tra queste ultime due consiste nel fatto che la superbia è la già ferma convinzione della propria superiorità, sotto ogni riguardo; la vanità  invece è il desiderio di suscitare negli altri tale convinzione, per lo più accompagnato dalla segreta speranza di farla diventare, in seguito, una convinzione propria.
Inoltre, non è superbo chiunque lo voglia, perché solo la ferma, intima, incrollabile convinzione di superiori pregi e di speciali valori rende davvero superbi. Tale convinzione può essere errata, e può basarsi su pregi soltanto esteriori e/o convenzionali, ma questo non va ad inficiare la validità della superbia, purché quella convinzione sia reale e seria. Il suo maggiore ostacolo è la vanità, che corteggia il consenso altrui per fondarvi la propria opinione di sé, mentre il presupposto della superbia è che quell'opinione sia già ben salda.
Per quanto la superbia sia biasimata e vilipesa da tutti, io suppongo che ciò sia opera soprattutto di coloro che non hanno nulla per cui essere superbi, e che trovano in questo modo di essere, una sorta di escamotage che li giustifichi nell'esentarsi dal procacciamento dei reali meriti o qualità, che sicuramente è più impegnativo.
Infine, ispirandomi ad una delle parti, che io ritengo più belle, della Bibbia, sorge in me il seguente pensiero:

Sette volte risuona la parola «vanità» nel breve tratto del libro del Qoelet che vi voglio citare. Vanità! Un termine che esprime ciò che noi spesso viviamo: diamo importanza e cerchiamo affannosamente cose che risultano poi inutili, che non servono per amare e per servire, che ingannano poiché ci distraggono dall'essenziale, da ciò che è importante, da ciò che dura per sempre e da ciò che ci tiene in unità col Padre. Quante vanità riempiono la nostra vita! Quante vanità rovinano il nostro sonno e introducono nei nostri rapporti reciproci sentimenti di rivalità, di avidità, di discordia! Infatti la divisione dell'eredità è spesso fonte di lotte, di odi, di discordie tra le persone più care. Basta che qualcuno accetti nel proprio cuore l'amore alla ricchezza ed è subito divisione, e là dove c'era amore fraterno si inserisce l'odio peggiore. Basterebbe un po' di sapienza, un po' di riflessione, uno sguardo al futuro che ci attende, e la catena della discordia non farebbe più i suoi danni.

 
Cronos


Frasi celebri sulla Vanità

 

  • Chi scrive contro la vanità vuole la gloria di avere scritto cose giuste, e i loro lettori la gloria di leggere cose giuste, e io che scrivo questo ho lo stesso desiderio, come forse anche coloro che lo stanno leggendo. (Blaise Pascal)
  • Ciò che rende la vanità degli altri insopportabile, è che offende la nostra. (François De La Rochefoucauld)
  • La vanità, insaziato cormorano, consumato tutto il resto, addenta le sue viscere. (William Shakespeare)
  • La vanità è alla base di tutto, anche la coscienza non è altro che vanità interiore. (Gustave Flaubert)
  • La vanità è stata da tempi immemorabili la carta di riconoscimento dei poeti. (Henry Mackenzie)
  • La vittoria della vanità non è la modestia, tanto meno l'umiltà, è piuttosto il suo eccesso. (José Saramago)
  • La vanità sovente, come la gelosia, coincide con l'orgoglio. (Carlo Maria Franzero)
  • Purché un uomo non sia pazzo, si può guarirlo da ogni follia tranne la vanità. (Jean-Jacques Rousseau)
  • Vanità, decisamente il mio peccato preferito. (L'avvocato del diavolo)
  • Vi sarebbe un modo per risolvere tutti i problemi economici: basterebbe tassare la vanità. (Jacques Tati)
  • Ho visto tutte le cose che si fanno sotto il sole ed ecco tutto è vanità ed inseguire il vento. Quohelet (Ecclesiate)

Proverbi

  • Non si può volare senza ali.
  • Per chi ha la borsa vuota, tutto è vanità.
  • Chi è gravido di vanità, partorisce menzogne.
  • Chi ha la vanità a pranzo, avrà il disprezzo a cena.
  • Chi si vanta, si spianta.
  • Chi tanto si liscia, più brutta si fa.
  • Il fumo va all'aria, e l'acqua alla valle.

    CRONOS