Come foglie al vento


Aria, leggera, scivola via
 

spinge le foglie a camminar via.
 

Loro da sole non sanno viaggiare
 

cercano il vento che le possa strappare.
 

Dolce, soave, le porta lontano
 

come un bambino tenuto per mano.
 

Belle, leggere, sicure e sprezzanti
 

godono a pieno dei voli cangianti.
 

E vagano illuse per destra e per manca,
 

convinte a ogni soffio dov’è che le ranca.
 

Ma quando meschino il vento acquietisce
 

senton qualcosa che dentro appassisce.
 

E allora così crudelmente ingannate,
 

si trovano sole, pesanti e svuotate.
 

Ma allora perché lasciarsi strappare
 

dal loro caldo nido natale?
 

In fondo volevano solo viaggiare, scoprire, sapere …
 

ignare che invece la meta era stare.




Cronos

Gli esseri umani sono bizzarri!

Pensano sempre al contrario.
Prima hanno fretta di crescere, e poi sospirano per l'infanzia perduta.
Prima ci rimettono la salute per i soldi, e subito dopo spendono i soldi per avere la salute.
Pensano al futuro con tale ansia che trascurano il presente, e così non vivono né il presente né il futuro.
Vivono come se non dovessero mai morire, e muoiono come se non avessero mai vissuto.


Jaime Cohen